ISEE 2022

 

Importante: il giorno dell’appuntamento, la documentazione va fornita tutta in fotocopia. Non si ritirano documenti orginali. Se non si hanno le fotocopie, la pratica non verra’ fatta.

 

Dati anagrafici:

  • Fotocopia della carta d’identita e codice fiscale del richiedente;

  • Fotocopia del codice fiscale di tutti gli altri componenti il nucleo familiare

  • Fotocopia del permesso/carta soggiorno per stranieri extra ue;

  • In presenza di invalidi civili: fotocopia dell’ultimo verbale di invalidità (nb: solo se inv.civ. superiore al 67%)

  •  

 

Situazione abitativa:

  • Se inquilini: fotocopia ultimo contratto di locazione registrato, con fotocopia della registrazione.

  • Se proprietari: fotocopia visura catastale recente degli immobili posseduti in italia e/o all’estero al 31/12/2020 di tutti i componenti del nucleo familiare (se non indicati su 730/unico) e importo del debito residuo mutuo al 31/12/2020

  •  

 

Situazione patrimoniale:

  • Fotocopia di saldo e giacenza media al 31/12/2020 di tutti i rapporti finanziari posseduti nel 2020 di tutti i componenti (posta/banca)

Esempio: conti o libretti in banca/posta/coop, polizze vita a riscatto (importo versato al 31/12/2020), titoli-azioni (controvalore al 31/12/2020), carte prepagate, postepay, paypal, ecc…)

  • Fotocopia del libretto circolazione di auto/moto (di tutti i componenti) con cilindrata pari o superiori a 500 cc. nonche’ barche, navi, aereomobili posseduti alla data di presentazione della dsu;

  •  

Redditi:

  • Se presente: fotocopia 730/unico 2021 redditi 2020 di tutti i componenti del nucleo che hanno percepito reddito.

  • Se non e’ stato fatto il 730/unico: fotocopia cu 2021 redditi 2020 di tutti i componenti del nucleo che hanno percepito reddito.

N.b: sono da indicare anche redditi non soggetti a irpef non erogati dall’inps e che non sono stati inseriti nel mod. 730/unico (es: borse di studio, sussidi assistenziali, collaborazioni con soc. sportive, voucher ecc…)

 

  • Nel caso di redditi esteri: fotocopia certificazione redditi esteri

  •  

  • Varie tipologie di isee:

 

Isee per prestazioni scolastiche:

  • Se i genitori sono divorziati/separati servono i dati di entrambi i genitori:

    Codice fiscale dell’altro genitore con fotocopia della sentenza di separazione/divorzio con attestazione relativa al mantenimento ai figli e/o al coniuge;

  • Se i genitori non sono mai stati sposati: tutti i documenti (elencati sopra) dell’altro genitore anche se non convivente

  • Se il genitore non convivente si fosse sposato in precedenza e/o se fosse sposato al momento della compilazione del modello isee, bisogna consegnare l’attestazione isee del genitore non convivente.

  •  

Isee universitario:

  • Per studenti stranieri con genitori all’estero: fotocopia attestante la situazione reddituale e patrimoniale dei genitori all’estero

  • Gli studenti universitari possono richiedere il modello isee da soli, solamente se lo studente è residente fuori dall’unità abitativa della famiglia di origine da almeno 2anni, in alloggio non di proprietà di un suo membro e se lo studente presenta un’adeguata capacità di reddito (fare riferimento alle disposizioni dell’università).

  •  

 

Isee per prestazioni residenziali:

  • Data richiesta del ricovero

  • Isee aggiornato di tutti i figli

  •  

Se sei in possesso di tutti i documenti richiesti, prenota subito un appuntamento! Puoi chiamare direttamente in ufficio oppure prenotare direttamente da qui

 

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) e’ la dichiarazione necessaria per calcolare l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). La DSU serve per accedere alle prestazioni sociali agevolate: asilo nido, mensa scolastica, sussidi assistenziali, diritto allo studio universitario, prestazioni socio-sanitarie ed altro ancora. Il nuovo ISEE accoglie informazioni sul nucleo familiare nel “Modello Base” (MB), e su tutti i suoi componenti nei “Fogli Componente” (FC). Nella maggior parte dei casi e’ sufficiente compilare il modello MINI, costituito dalla prima parte del Modello Base (MB.1) e dalla prima parte del Foglio componente (FC.1). In alcune situazioni particolari il modello MINI non e’ sufficiente, pertanto si rende necessaria la dichiarazione di informazioni aggiuntive. 

Il modello MINI non puo’ essere presentato quando ricorre una delle situazioni seguenti:

  • richiesta di prestazioni per il diritto allo studio universitario;

  • presenza nel nucleo di persone con disabilita’ e/o non autosufficienti;

  • presenza nel nucleo di figli i cui genitori non siano coniugati tra loro, ma conviventi;

  • esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o sospensione degli adempimenti tributari.

In tali casi deve essere compilata la DSU nella sua versione estesa. 

La DSU e’ valida dalla data di presentazione fino al 15 gennaio dell’anno successivo. 

 

Modelli da utilizzare in funzione della prestazione da richiedere 

1. DSU MINI: consente di calcolare l’ISEE Ordinario valevole per la generalita’ delle prestazioni sociali agevolate. 
2. DSU cd. «Integrale»: va compilata se ricorrono alcune situazioni familiari (es. disabilita’, genitori non coniugati e non conviventi tra loro) o per l’accesso ad alcune prestazioni (es. diritto allo studio universitario, socio-sanitarie). 
3. DSU ISEE Corrente: va compilata per richiedere l’ISEE Corrente in caso di variazione della situazione lavorativa di uno o piu’ componenti. 

 

Lo studente universitario 

Lo studente universitario e’ autonomo quando si trova in entrambe le seguenti condizioni: 

a) e’ residente fuori dall’unita’ abitativa della famiglia di origine da almeno due anni dalla data di iscrizione per la prima volta al corso di studi, in alloggio non di proprieta’ di un suo membro;
b) presenta adeguata capacita’ di reddito.

Se manca una o entrambe le condizioni lo studente e’ attratto nel nucleo familiare dei propri genitori senza il proprio coniuge e i figli qualora esistenti. Nel caso in cui i genitori dello studente non autonomo appartengano a nuclei familiari distinti e’ necessario individuare il genitore di riferimento nel cui nucleo lo studente sara’ attratto secondo le regole ordinarie. Restano valide le regole di inclusione, nel nucleo di riferimento, del genitore non convivente e non coniugato con l’altro genitore e che abbia riconosciuto il beneficiario come figlio. 

 

ISEE Ordinario o Standard e’ valevole per la generalita’ delle prestazioni o servizi sociali assistenziali la cui erogazione dipende dalla situazione economica del nucleo del richiedente, compresi i servizi di pubblica utilita’ a condizioni agevolate (ad esempio bonus elettrico). 

 

ISEE Universita’ serve per l’accesso alle prestazioni per il diritto allo studio universitario, va identificato il nucleo familiare di riferimento dello studente, indipendentemente dalla residenza anagrafica eventualmente diversa da quella del nucleo familiare di provenienza. 

 

ISEE Sociosanitario serve per l’accesso alle prestazioni socio-sanitarie, ad esempio assistenza domiciliare per le persone con disabilita’ e/o non autosufficienti, e’ possibile scegliere un nucleo ristretto rispetto a quello ordinario (solo beneficiario, coniuge e figli). Nel caso di persona con disabilita’ maggiorenne, non coniugata e senza figli che vive con i genitori, il nucleo ristretto e’ composto dalla sola persona con disabilita’. 

 

ISEE Sociosanitario – Residenze Tra le prestazioni socio-sanitarie alcune regole particolari si applicano alle prestazioni residenziali (ricoveri presso residenze socio-sanitarie assistenziali – RSA, RSSA, residenze protette, ad esempio ospitalita’ alberghiera presso strutture residenziali e semiresidenziali per le persone non assistibili a domicilio). Ferma restando la facolta’ di scegliere un nucleo ristretto rispetto a quello ordinario, si tiene conto della condizione economica anche dei figli del beneficiario non inclusi nel nucleo familiare, integrando l’ISEE di una componente aggiuntiva per ciascun figlio. Tale previsione consente di differenziare la condizione economica dell’anziano non autosufficiente che ha figli che possono aiutarlo da quella di chi non ha alcun aiuto per fronteggiare le spese per il ricovero in struttura. NOVITA’: La revisione piu’ significativa apportata alla normativa ISEE riguarda l’accoglimento delle sentenze del TAR del Lazio in merito al disconoscimento di alcuni trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari riconosciuti a titolo compensativo e/o risarcitorio a favore delle situazioni di disabilita’. Si ricorda come il decreto di riforma aveva riservato una particolare attenzione ai componenti il nucleo con disabilita’ o non autosufficienti che si traduceva nel riconoscimento di “detrazioni di spese e di applicazioni di franchigie che andavano ad incidere sulla determinazione dell’indicatore della situazione reddituale del nucleo di appartenenza. Per effetto delle novita’ introdotte con l’articolo 2 sexies del D.L. n. 42 del 2016, convertito con modificazioni dalla legge 26 maggio 2016 n. 89, in sostituzione delle spese per i servizi di collaboratori domestici e addetti all’assistenza personale, sia sostenute direttamente sia acquisiti presso enti fornitori, della retta per l’ospitalita’ alberghiera, nonché delle franchigie previste per la disabilita’ viene applicata una maggiorazione dello 0,5 del parametro della scala di equivalenza. 

 

ISEE Minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi Per le prestazioni agevolate rivolte ai minorenni che siano figli di genitori non coniugati tra loro e non conviventi occorre prendere in considerazione la condizione del genitore non coniugato e non convivente per stabilire se essa incida o meno nell’ISEE del nucleo familiare del beneficiario. Se il genitore non convivente a sua volta non e’ coniugato o non ha figli con persona diversa dall’altro genitore, in sede di calcolo dell’ISEE si deve tenere conto anche della condizione economica di tale genitore che e’ aggregato al nucleo del figlio beneficiario (salvo i casi di esclusione). Ma anche quando l’altro genitore e’ coniugato o ha figli con persona diversa puo’ essere necessario tenere conto della sua situazione economica attraverso il calcolo della componente aggiuntiva (ad esempio, se non c’e’ un provvedimento dell’autorita’ giudiziaria che preveda il versamento di alimenti per il mantenimento del figlio). 

Condividi questa informazione!